il caso

Sassate contro il bus, tunisino patteggia 9 mesi

L'uomo ha dato in escandescenze la notte scorsa in via Prepositura. Resterà in carcere

TRENTO. Ha patteggiato 9 mesi di reclusione e resta in carcere il trentunenne tunisino che ieri sera si reso responsabile di un grave danneggiamento ad un bus in via Prepositura. Dopo aver dato in escandescenze, infatti, ha lanciato una grossa pietra contro i finestrini del mezzo danneggiandolo e facendo fuggire i passeggeri. I reati per i quali ha patteggiato sono danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio.